Pattinaggio


Sono una fan "fissata" di tutto ciò che gravita attorno al pattinaggio artistico di figura, sia su ghiaccio che su rotelle, nonché ex pattinatrice a rotelle da bambina; sul ghiaccio ho iniziato a pattinare da adulta nel 2013 e due anni dopo ho partecipato a qualche gara adulti amatoriale anche all'estero (gara I.S.U. Oberstdorf). Attualmente non sto pattinando da qualche mese, ma spero di ricominciare presto!

Per me il pattinaggio artistico di figura, sia sul ghiaccio che sulle rotelle, è lo sport per eccellenza. Cosa c’è di meglio di uno sport che coniuga grazia e arte, forza e potenza, precisione e psicologia, oltre che farti un bel corpicino? 🙂

 

Come diceva Jim Morrison: “Non è forte chi non cade, ma chi cadendo ha la forza di rialzarsi“. Ecco, per me il pattinaggio di figura insegna ad affrontare la vita, a cadere e cercare sempre di ritirarsi su.

 

Io pattinatrice


A sei anni, mentre seguivo le piroette e i salti delle più “anziane” dalla ringhiera della pista di pattinaggio della scuola elementare, sono rimasta folgorata dalla grazie e dalla potenza di questo sport. Così l’anno seguente ho iniziato a praticare il pattinaggio artistico a rotelle proseguendo per circa cinque anni presso la polisportiva PGS-Lux di Roma, per divertimento e senza fare agonismo. Allenamenti, salti e trottole, cadute e lividi, dischi da provare e riprovare fino allo svenimento, gare e tante belle amicizie.

Ho poi temporaneamente ripreso a 18 anni con il pattinaggio su ghiaccio frequentando i corsi per poco (quasi un trimestre) al Palaghiaccio di Marino (RM), ma era tutto molto diverso dalle rotelle, in pratica serviva ricominciare quasi d’accapo e con intensità, ma non era ancora il momento giusto.

Tra l’altro, voglio così bene al pattinaggio che nel 2012, facendo un piccolo salto durante una sessione di pattinaggio libero per festeggiare la vittoria mondiale di Carolina Kostner, mi sono anche rotta un dito della mano… il mio “talento da aspirante pianista” ha tremato… ma che problema c’è!

A fine 2013 ho finalmente iniziato a pattinare sul ghiaccio, partendo seriamente dalle basi e frequentato per 2 stagioni un corso adulti sempre a Marino e nel 2015 ho avuto il piacere di fare qualche gara, anche all’estero a Oberstdorf in Germania, con i miei carissimi amici della Squadra Italiana Adulti Pattinaggio su Ghiaccio (The Italian Skating Family). Ho dovuto saltare gli allenamenti 2015-2016 e 2016-2017 per poi ricominciare a fine 2017 completando la mia terza stagione. Successivamente ho smesso, ma vorrei ricominciare quando possibile.

ice figure skater silhouette

Io giudice


Nel 2015 sono stata giudice regionale di artistico del Gruppo ufficiali di Gara (G.U.G.) della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio (F.I.S.G.), esercitando però pochissimo per motivi familiari e quindi dovendo chiudere troppo presto questa fantastica avventura. Ringrazio gli addetti e i volontari della F.I.S.G. per i tanti e ottimi insegnamenti ricevuti e saluto gli altri giudici che sono nel frattempo diventati bravissimi, alcuni anche nazionali.

Io fan


Dall'"altra parte", mi diverto moltissimo a seguire i campionati di tutti i livelli (nazionali, europei, mondiali, olimpiadi), sia per ghiaccio che per rotelle.

Per il ghiaccio


Tramite internet o sul satellite seguo l’evolversi di tutti i campionati dell'International skating union (I.S.U.), e della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio (F.I.S.G.).

Grazie all’I.S.U. e alla sua ottima organizzazione, negli anni sono diventata relativamente esperta e conosco bene i vari atleti internazionali seguendone le loro imprese, anche di quelli che oramai si sono ritirati per l’età. Ho particolarmente apprezzato e apprezzo i seguenti atleti, suddivisi per tipologia e approssimativamente dai più risalenti ai più recenti:

Ladies: Michelle KWAN, Oksana BAJUL, Shizuka ARAKAWA, Sasha COHEN, Irina SLUTSKAYA, Silvia FONTANA, Miki ANDO, Joannie ROCHETTE, Sarah MEIER, Yu-Na KIM, Mao ASADA, Carolina KOSTNER, Alissa CZISNY, Elizaveta TUKTAMYSHEVA
Men: Elvis STOJK, Philippe CANDELORO, Stéphane LAMBIEL, Evgeni PLUSHENKO, Brian JOUBERT, Jason BROWN, Yuzuru HANYU
Coppie artistico: Aliona SAVCHENKO / Robin SZOLKOWY, Meagan DUHAMEL / Eric RADFORD, Valentina MARCHEI / Ondrej HOTAREK
Coppie danza: Barbara FUSAR POLI / Maurizio MARGAGLIO, Anna CAPPELLINI / Luca LANOTTE

Sono una fan di Carolina KOSTNER dal 2004, da quando era ancora semi-sconosciuta. Ricordo ancora i primi successi internazionali, fino alla gioia incontenibile delle vittorie ai campionati europei e mondiali. Nel 2012 sono andata in vacanza d’estate ad Ortisei (BZ) per conoscere il suo paese e fare una foto davanti a casa sua.

Ho visto diversi show di pattinaggio sul ghiaccio dal vivo a Milano, Roma e Torino, ad esempio, varie edizioni dei Golden skate awards e i Golden celebrities on ice. Mi piacerebbe abitare al nord, per avere più possibilità di assistere a queste performance. Il bello dell’inverno è proprio questo: arrivano le gare e gli show sul ghiaccio!

Per le rotelle


Seguo, in maniera minore rispetto al ghiaccio, i campionati della Fédération internationale de roller sports (F.I.R.S.), e della Federazione italiana hockey e pattinaggio (F.I.H.P.).

Anche se provengo principalmente dalle rotelle, ho constatato negli anni che purtroppo questa “versione” del pattinaggio è penalizzata a livello internazionale, a causa del fatto che non fa parte delle discipline olimpiche. Insomma… non girano molti soldi e di conseguenza è tutto più “dimesso”. La cosa che fa più arrabbiare è che l’Italia primeggia da svariati anni in questa disciplina, che se fosse olimpica ci permetterebbe di tornare a casa ogni volta con un medagliere di tutto rispetto, visto che siamo sempre ai primi posti con numerose vittorie di ori, argenti e bronzi!

Per fortuna, abitando non molto distante, ho avuto la grande opportunità di vedere gli allenamenti degli atleti a rotelle del Frascati Skating (RM), tra cui primeggiano la ex campionessa mondiale Cristina Trani e l'ex pluricampione mondiale Dario Betti, che da qualche tempo (dopo aver vinto tutto) è passato al ghiaccio (un saluto a Dario con cui ho partecipato all’Adult Skating Camp di Andalo’14).